Natale in Salento!

nov
30

Natale in Salento!
Mercatini, fiere di Natale in Puglia. [NATALE 2022]

Scopriamo insieme i migliori mercatini di Natale in Salento da visitare

Finalmente torna il Natale!

In questo periodo in Salento si allestiscono i mercatini di Natale con tante lucine, addobbi natalizi con la possibilità di acquistare prodotti artigianali, renne, babbi natale, campanacci, tutto in vendita sui banconi. 
Che spettacolo!
La magia del Natale colpisce tutti quanti, grandi e piccini, e le tante famiglie si accingono a percorrere i sentieri dei mercatini assaporando lo spirito natalizio.
Tra fiere e mercatini, la lista è davvero lunga!
Vediamo quali sono gli appuntamenti natalizi del 2022!

Mercatino di Natale a Lecce

[5-24 Dicembre] La Fiera di Santa Lucia a Lecce

Si aprono le danze partendo da Lecce con ‘la Fiera di Santa Lucia’.
La fiera detta ‘la fera de li pupi’ è uno splendido contesto che ha come protagonista proprio il presepe. Una spettacolare esposizione di tutte le figure rappresentative presenti nel classico presepe insieme a personaggi e realtà di vita contadina proprie della nostra terra. La Fiera si terrà dal 5 sino al 24 DicembreImmancabili saranno degustazioni di prodotti tipici salentini.

Se ancora non avete provveduto all’acquisto di pupi e scene per realizzare il presepe, è allora il momento di approfittare di queste splendide miniature realizzate dai migliori cartapestai della zona!

Sagre nel Salento

[21 Dicembre] Sagra della Pittula a Tiggiano e a Sternatia

‘La Sagra della pittula’ rientra tra gli appuntamenti imperdibili sotto le festa natalizie in Salento!


Il 21 Dicembre si rinnova l’appuntamento con la degustazione di questo piatto tipico della tradizione culinaria salentina.

Le pittule sono delle pallette di pasta lievitata fritte in tantissimo olio, di una bontà unica!

Provare per credere!

[24 Dicembre] Sagra della Pittula e della focareddha a Specchia

‘Nella splendida Cornice di Specchia, dichiarato uno dei Borghi più belli d’Italia, un appuntamento che si rinnova da oltre trent’anni, ci aspetta anche quest’anno, la Sagra della pittula e della focareddha.

Si assaggeranno pittule farcite in mille modi, con il baccalà, con il cavolfiore, alla pizzaiola, semplici accompagnate da un buonissimo vino locale e tanta allegria. Seguirà l’accensione della focareddha aspettando Natale.

Vi aspettiamo il 24 Dicembre!

Feste In Salento a Natale

[12 Dicembre] Festa del Cioccolato

Dolcissimo appuntamento con la festa del Cioccolato che si terrà il 12 Dicembre 2022 prorpio nella piazza principale, la famosa piazza Sant’Oronzo.

VIDEO FESTA DEL CIOCCOLATO.

[22 Dicembre] Festa delle panare a Spongano

Il 22 Dicembre a Spongano, come da tradizione, si terrà anche quest’anno, la Festa delle Panare.

Le Panare  sono delle ceste realizzate a mano con piccoli rametti d’ulivo misti a palma che, in occasione di questa festa, sono riempiti di sansa (la parte di scarto dell’oliva dopo la spremitura) e vengono bruciati in una spettacolare focara! il rogo in segno di sacrificio per la santa patrona del paese ‘Santa Vittoria’

Ti piacerebbe visitare il Salento?

Allora osserva le nostre proposte!  Diverse soluzioni di soggiorno per soddisfare ogni tua esigenza.

Presepi viventi in Salento

[Dal 25 Dicembre] Presepe vivente a Tricase, 41° Ed.

Per respirare l’atmosfera del vero presepe vivente, ritorna, finalmente, l’appuntamento con lo spettacolare presepe vivente di Tricase, uno degli otto presepi d’Italia più storici. Una struttura permanente tutto l’anno, si impone in località Monte Orcoe l’apertura avverrà il 25 Dicembre per poi proseguire il 26, 28, e 30 nel mese di Dicembre e l’1, 3, 5 e 6 in Gennaio.

per info: https://www.presepeviventetricase.it/

[24 Dicembre] Presepe di zolfo a Santa Cesarea Terme

Una spettacolare location estiva, Santa Cesarea Terme, attrae turisti anche in inverno, soprattutto nel periodo natalizio. Qui, come ogni anno, il 24 Dicembre, si potrà visitare lo splendido presepe di zolfo all’interno della grotta sulfurea. Un omaggio a Santa Cesaria, visto che la leggenda vuole che la sua dimora fosse proprio quella grotta. Il nome della grotta lo deve proprio all’odore acre dello zolfo che si avverte all’interno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *