La Musica Salentina

/ Sapori e suoni salentini / Stornelli Salentini
feb
11
Stornelli Salentini

Nella tradizione popolare salentina, la musica accompagnava tutte le attività contadine che venivano svolte ogni giorno tra distese di terra rossa. Gli stornelli venivano intonati ed improvvisati nel silenzio delle campagne salentine. Queste arie, d’argomento amoroso o scherzoso, venivano cantate a voce alta in modo da farli ascoltare a distanza a tutti gli abitanti della campagna. E da li’ partiva una lunga catena di piccoli stornelli  cantati in coro da tutti i partecipanti. Gli stornelli permettevano di trascorrere quelle giornate di lavoro dure al sole più leggere e ritmate e il tempo passava più in fretta…

Fiore di tutti i fiori, /fior di verbena/ beato chi ti stringe e chi t’abbraccia /Oh chi t’abbraccia/ oh chi t’abbraccia/ beato chi ti stringe e chi t’abbraccia./ E io questi stornelli/ li canto al vento/ per dirti che ti voglio bene tanto /Oh bene tanto/ oh bene tanto/ per dirti che ti voglio bene tanto /Per dirti che ti voglio/ oh bene tanto/ tu sospiri per me/ io per te piango/ io per te piango/ io per te piango/ tu sospiri per me/ io per te piango /Stanotte mi sognai/ che stavo al mare/ facevo i bagni co ‘na signorina/ ‘na signorina/’na signorina/ facevo i bagni co ‘na signorina Svegliandomi dal sogno/ co ‘na campana/ non vedi che la notte/ oh s’avvelena/ oh s’avvelena /oh s’avvelana/ non vedi che la notte oh s’avvelena/ Dalla finestra tua/ ci manca un vetro/ ricordati dei baci/ oh che t’ho dato/ oh che t’ho dato/ oh che t’ho dato/ ricordati dei baci /oh che t’ho dato.
Fiorin di menta/ la menta amore mio non si trapianta/ chi esce dal mio cuore più non entra/ fiorin di tutti i fiori /fiorin di menta. Fresche le viole/ tre cose son difficili da lasciare /il gioco l’amicizia e lo primo amore /fiori di tutti i fiori /fresche le viole/ Fiorin di fragola/ lasciatela cantar quella pettegola /mi sembra un gattino quando miagola /fiori di tutti i fiori /fiorin di fragola. Fior di vermiglio/ io per marito voglio un calzolaio/ le scarpe me le fa quando le voglio/ fiori di tutti i fiori /fior di vermiglio”. Gerani rossi/ la cura ti farò purchè tu ingrassi/ bacioni ti darò di quelli grossi /fiori di tutti i fiori/ gerani rossi. L’ho detto al prete /se voi la vostra figlia non me la date/ io ve la ruberò,/voi piangerete /fiori di tutti i fiori /l’ho detto al prete. Fiorin di ceci/ mi prometteste cinquecento baci /da cinquecento son rimasti dieci/ fiori di tutti i fiori /fiorin di ceci. Vorrei volare sulla finestrella tua /vorrei salire sulla tua bocca/ ti vorrei baciare/ fiori di tutti i fiori /vorrei volare /oh quante stelle vieni /Gigina mia, vieni a contarle/ i baci che ti do son più di quelle/ fiori di tutti i fiori /oh quante stelle!
La Tabaccara./Sta sonane le sette/ tutte allu magazzinu cu lu scarpinu lucitu/lu solitu passettinu. /Oilì, oilì, oilà, /ota ca gira la tabaccà. /E alle sette e dieci /è sciuta l’operaia: /se vota lu portinaru /ca è già passatu l’orariu. Oilì, oilì, oilà,/ ota ca gira la tabaccà./ Ci ‘zzamu moi de notte /cujimu lu tabaccu/ tuttu lu giurnu nfilamu/ senza guadagnamu na lira. Oilì, oilì, oilà, /ota ca gira la tabaccà./ Ci ete sta maestra/ mo de stu magazzinu /Cacciatila ddhra fore, /vascia coja petrusinu. /Oilì, oilì, oilà, /vota ca gira la tabaccà./ Ci ete sta maestra, /risponde lu Garzia /mandatila dha fore, vascia coja cignu e lissia /Oilì, oilì, oilà, /ota ca gira la tabaccà. Suonano già le sette, tutte al magazzino con la scarpetta lucida, /il solito passettino oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina. L’operaia è andata alle sette e dieci e il portinaio le dice che è già passato l’orario oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina. Ci alziamo di notte per raccogliere il tabacco per tutto il giorno lo infilano senza guadagnare una lira oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina. Chi è questa maestra di questo magazzino mandatela fuori, a raccogliere prezzemolo oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina. Chi è questa maestra, risponde Garzia mandatela fuori, a raccogliere cenere e liscivia oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina.
Quant’ave ca nun passu te sta strata/ dde cc’è sse maritau la beddha mia. /Quannu alla chiesa matre la purtara/ commu nna cagnulina te retu scia./ E quannu l’acqua santa li manara /‘ncora le spiranze ieu tenia. /Quannu lu ‘nieddhru a mmanu /li calara ‘ncora ucca a risu me facia. /Quannu la ucca soa jie disse “sine” /chiagiti uecchi mei nun è cchiù mia. /Tronu dde Marzu li pozza catire/ a ci foe ca me scucchiau te la mia amore. /Terra cu nnu lu pozza mantinire /sule cu nnu lu pozza cchiu scarfare. /Lu liettu addhu se curca sia te spine/ lu capitale te petra ‘nfernale./ A mienzu a mienzu cu sse troa nnu stile cu li trapassa l’anima e llu core! Da quanto tempo non passo da questa via da quando la mia bella si è sposata. Quando la portarono alla chiesa madre gli andavo dietro come una cagnolina. Quando la benedirono con l’acqua santa avevo ancora delle speranze. Quando le misero l’anello nelle mani dalla mia bocca ancora usciva un sorriso. (Ma) quando dalla sua bocca usci un “si” occhi miei piangete (perchè) non è più mia. Tuoni di Marzo gli possano cadere (addosso) a colui che mi separò dal mio amore. Possa (la) Terra mai mantenerlo e che (non ci sia) sole che possa più scaldarlo. Il letto dove dorme sia di spine e il cuscino di pietra infernale. In mezzo, in mezzo si possa trovare ad un pugnale che gli trapassi l’anima e il cuore.

Ascolta i brani qui:

Ti piacerebbe visitare il Salento?

Allora osserva le nostre proposte!  Diverse soluzioni di soggiorno per soddisfare ogni tua esigenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *